Troppe tipologie di Bicchieri, ecco una guida su come orientarsi

Bicchieri? spesso e volentieri questa parola mi ha fatto tremare, prima di iniziare a lavorare nel mondo home decor e cucina non sapevo assolutamente distinguere tra un bicchiere acqua e un bicchiere vino. Tutte le volte che mi trovavo seduta ad una tavola curata e precisa, non sapevo dove versare che cosa.


Quindi, anche se non vi ritroverete a breve a dover imbandire una tavola, ma sarete solamente semplici commensali, dovete per forza conoscere l'ABC bicchieri.


La prima cosa da sapere, che è la base per orientarsi è la seguente: Il bicchiere più grande dovrà sempre essere utilizzato per l'acqua, quello medio per il vino rosso e quello più piccolo per il vino bianco, questo prezioso consiglio vi salverà sicuramente in molte cene di lavoro. 


Passiamo nel cuore di questo articolo e analizziamo meglio i diversi bicchieri da vino:

I bicchieri qui sopra sono utilizzati con vini bianchi di vario tipo, il Flute (1) perlopiù con spumanti, negli ultimi tempi è sfruttato moltissimo anche negli entrée di benvenuto. Anche Champagne e Prosecco possono essere quindi degustati in un bicchiere come questo, meglio però se più largo e affusolato, come un bicchiere Tulipano (2) o Renano (3).



I bicchieri (4) e (5) sono i cosiddetti Ballon, mentre il (6) è chiamato Bordeaux, questi calici si utilizzano per vini rossi fermi, più il vino è corposo e invecchiato, più avrà bisogno di decantare e di prendere ossigeno, quindi maggiore dovrà essere la pancia del bicchiere utilizzato.


Per quel che riguarda i vini rossi frizzanti, come un lambrusco, il bicchiere in questione è il (9), un Calice classico con pancia piccola. Il numero (8) invece è un Tulipano piccolo, utilizzato per i passiti. Ultimo, ormai meno sfruttato, ma che ha pur sempre il suo stile è la Coppa (7) da Martini.

×
Welcome Newcomer